Spezzone transfemminista al FVG Pride!

LOTTO MARZO
LOTTO GIUGNO
LOTTO TUTTO L’ANNO!

[Slovenian and English below]

Il Pride è un momento pubblico di rivendicazione e di lotta che nasce dall’atto ribelle di donne nere trans.

La potenza di mobilitazione e di costruzione di pensiero che Non una di meno portato nelle piazze globali dal 2016 ha riportato al centro la questione della violenza maschile, di genere e dei generi, che può esistere anche negli spazi che se ne ritengono protetti. Questa nuova attenzione, tutta politica, al tema della violenza permette di riportare al centro anche la questione specifica della violenza omotransfobica, sia personale (fisica e psichica) sia istituzionale.

Questo momento storico di forte repressione del dissenso e del diverso – che si attua sul piano istituzionale nazionale e locale – è un’occasione per rifare del Pride un momento di radicalità e di lotta contro l’oppressione specifica della comunità LGBT+ e contro ogni oppressione. La patina rainbow col quale il centrosinistra liberal si dipingeva il volto prima di dedicarsi alla distruzione dei diritti sociali non sussiste più: ora che è più facile per tutt* identificare il nemico nella destra machista e fascista che sta al potere è l’occasione buona per richiedere al Pride, come ai movimenti femministi, tutta la loro radicalità.


Questo è uno spezzone dove tutte le sessualità – anche quelle meno visibili e meno rappresentate all’interno dello stesso movimento LGBT+ – abbiano spazio; uno spezzone radicale che non ha niente da chiedere a chi al governo sputa sui nostri corpi e a chi li sfruttava per operazioni di pinkwashing; uno spezzone dove non gioiamo per la presenza di un presentatore gay all’Eurovision di Israele, ma lottiamo contro l’occupazione della Palestina; uno spezzone per tuttu coloro che provano piacere nel distruggere la
famiglia patriarcale vivendo nuove forme di relazione; uno spezzone dove crediamo nell’educazione come libertà di pensare alla molteplicità dei generi e delle sessualità e presidiamo la libertà di raccontare a* bambin* altre storie possibili; uno spezzone dove crediamo che la lotta alla violenza sistemica si fa autorganizzandosi e autodifendendosi; uno spezzone dove crediamo che non potrà esserci liberazione dei generi e dai generi senza la liberazione dall’oppressione del capitalismo e delle frontiere.

Venite e godetene tutt*!

Che il Pride sia una festa!
Che il Pride sia una lotta!

***
[SLO]

BORIM SE MARCA
BORIM SE JUNIJA
BORIM SE CELO LETO!

Pride je trenutek boja ko se javno in glasno izpostavijo zahteve in izhaja iz uporniškega dejanja temnopoltih žensk.

Moč mobilizacije in miselnega razvoja, ki jo je Niti ena manj (Non una di meno) prinesla širom po svetu od leta 2016 dalje, izpostavlja vprašanje moškega nasilja, nasilja zaradi spola in spolov, ki so lahko prisotni tudi v prostorih, ki bi pričakovale, da so zaščiteni. Nova in vsestransko politična pozornost na temo nasilja nam omogoča, da se osredotočimo na specifično vprašanje homotransfobičnega nasilja, tako osebnega (fizičnega in psihičnega) kot institucionalnega..

Zgodovinski trenutek močnega zatiranja političnega nasprotja in drugačnosti – ki se sedaj odvija na vsedržavni in lokalni institucionalni ravni – nam ponuja priložnost, da Pride postane trenutek radikalnosti in boja proti zatiranju LGBT+ skupnosti in proti vsakršnemu zatiranju. Mavrična patina, s katero je bila nakitena liberalna leva sredina, preden bi se posvetila uničenju socialnih pravic, ne obstaja več: sedaj, ko je vsem lažje identificirati sovražnika v mačistični in fašistični desnici, ki sedi na oblasti, imamo dobro priložnost, da povabimo Pride-Parado Ponosa, tako kot feministična gibanja, naj izpostavijo vso svojo radikalnost.

Ta je del sprevoda, kjer vsaka spolna pripadnost – tudi najmanj vidna in najmanj zastopana v samem LGBT+ gibanju – bo dobrodošla. Ta je radikalen del, ki dobro ve, da nima prav nič kaj vprašati tiste na vladi, ki pljuvajo proti našim telesom in tistim, ki so naša telesa izkoriščali za operacije pinkwashing­-a in istočasno se prav nič ne veselimo zaradi prisotnosti gejevskega voditelja na Izraelski Evroviziji, saj se borimo proti okupaciji Palestine. Ta prostor je namenjen tudi vsem tistim, ki se veselijo razgraditve patriarhalnega vzorca družine in gradijo nove njanse odnosov; in tiste, ki pojmujemo vzgojo v duhu svobodnega razmišljanja o raznolikosti spolne pripadnosti in seksualnosti, in branimo svobodno pripovedovanje otrokom tudi o drugačnih možnih zgodb.
Smo prepričan*, da proti sistemskemu nasilju se moramo samoorganizirano braniti in boriti ter verjamemo tudi, da ne obstaja osvoboditve normativnega spolnega razlikovanja brez osvoboditve od kapitalističnega zatiranja in meja.
Pridite in uživajte vs*!

Naj Ponos bo žur!
Naj Ponos bo boj!

***
[EN]

March, 8th
June, 8th
Always fighting
Never straight!

The Pride comes from the rebel act of black trans womxn.

Since 2016, Non una di meno has shown a huge power of global mobilization: we have raised the issue of male and gender violence, which can also exist in so called safe spaces. Today, this awareness allows us to focus on the specific issue of homotransfobic violence, both personal (physical and mental) and institutional.

As we know, this is a historic moment of strong repression of dissent and diversity, both at a national and at a local level. This moment however represents an opportunity to retake the Pride to its roots: those of a radical struggle against the specific oppression of the LGBT+ community and against all kinds of oppression. There is no longer a rainbow patina hiding the destruction of social rights, as it was under center-left governments. Today the government is explicitly fascist and everyone can easily identify the enemy in those machos and fascists in power. In this context, we recall the Pride, like the feminist movements, to their radicalism.

In this space, all sexualities – even the least visible and least represented within the same LGBT+ movement – have space;
In this space, we have nothing to ask to governments which are either spitting on our bodies or exploiting us for their pinkwashing needs;
In this space, we do not rejoice the presence of a gay presenter at last Eurovision held in Israel, but we fight against the occupation of Palestine;
In this space, we take pleasure in destroying the patriarchal family while experiencing new forms of relations;
In this space, we believe in education as a tool to think about the multiplicity of genres and sexualities and we stand for the freedom to tell kids «other stories»;
In this space, we believe that the fight against systemic violence is done by self-organization and self-defense;
In this space, we believe that there will be no liberation of genders and from genders without the liberation from the oppression of capitalism and borders.

Come on, y’all!

Let the Pride be a party!
Let the Pride be a struggle!

This entry was posted in Generale, Iniziative, Segnalazioni. Bookmark the permalink.