Presidio contro Benetton e in solidarietà ai mapuche

REPORT E FOTO

Sabato 3 febbraio alle 17.00 in via San Lazzaro
Solidarietà al popolo mapuche!
Benetton ha le maglie sporche di sangue

Gruppo Anarchico Germinal

In diversi paesi del mondo ci saranno tra il 29 gennaio e il 4 febbraio azioni e iniziative contro la repressione assassina dello Stato argentino e in solidarietà con il movimento anarchico di quel paese e con tutti/e coloro che lottano contro la violenza statale e padronale. L’Internazionale di Federazioni Anarchiche (IFA) ha lanciato una “week of action”, una settimana in cui concentrare iniziative di lotta e solidarietà contro le rappresentanze del governo argentino e la multinazionale dell’abbigliamento Benetton.

Ironicamente, lo slogan “United Colours of Benetton” presenta la multinazionale come multietnica e antirazzista nei suoi valori fondanti. In realtà Benetton sta acquistando enormi appezzamenti di terreno in Argentina, sottratti inizialmente alla popolazione indigena Mapuche di Cile e Argentina.

Gli/le attivisti/e Mapuche e altri/e che si oppongono a questi progetti sono stati/e additati/e come “terroristi/e” dallo Stato nel tentativo di indebolire il supporto nei loro confronti e giustificare ulteriori operazioni repressive. In particolare il “Rapporto RAM”, preparato dal Ministero della Sicurezza Nazionale argentino congiuntamente ai governi delle province patagoniche, prepara la strada ad una gravissima montatura repressiva sostenendo l’esistenza di un complotto terroristico che coinvolge organizzazioni Mapuche, organizzazioni politiche, sociali e sindacali, tra cui anche la Federazione Libertaria Argentina, che fa parte dell’Internazionale di Federazioni Anarchiche.

In Agosto l’anarchico Santiago Maldonado è stato rapito e trovato ucciso. Un altro compagno, Rafael Nahuel, è stato anch’egli ucciso. Gli anarchici e le anarchiche e il popolo Mapuche chiedono il nostro supporto per difendere i/le propri/e compagni/e e le proprie comunità.

Qui l’appello

This entry was posted in Iniziative. Bookmark the permalink.