Ciao Paolo

La scomparsa di Paolo ci ha lasciato sgomenti. Il pensiero è andato subito alla sua ultima visita a Trieste nella nostra sede, pochi mesi fa, per parlare del libro dedicato al suo amico Faber.

Nessuno avrebbe potuto pensare che sarebbe stato un addio e non un arrivederci.

Il rapporto di Paolo con il nostro gruppo è sempre stato molto intenso, spesso diceva che “il Germinal era uno dei pochi che diffonde la rivista (A) dalla sua nascita…e anche lo pagava”.

Non solo è stato ospite a Trieste per tante iniziative nel corso dei decenni ma ci ha dato una mano straordinaria quando, nella seconda metà degli anni duemila, avevamo intrapreso la sfida di comprarci la nostra nuova sede. Grazie a lui “A” mise a nostra disposizione un supplemento che raccontava la storia della sede di via Mazzini 11 allo scopo di raccogliere fondi per la nuova.

Anche coi vecchi compagni del Gruppo il rapporto era stretto: un momento di orgoglio per Paolo fu quando Tommasini gli disse che, per lui, (A) era il miglior giornale del movimento.

È una grave perdita per i compagni e le compagne che lo hanno conosciuto, per tutto il movimento anarchico e in particolare per la “sua” A-rivista per la quale non ha mai risparmiato le proprie energie.

Crediamo che il modo migliore per essergli vicino sia proprio leggerla e diffonderla e, per chi ne ha la possibilità, contribuire a tenerla sempre viva e ricca di contenuti.

A chi resta, il compito di continuare a fare del nostro “peggio”, nella convinzione che non ci sono poteri buoni.

Le compagne e i compagni del Gruppo Anarchico Germinal

Qui il video della sua presentazione in sede del libro su De Andrè

Posted in Generale | Leave a comment

Assemblea pubblica di “Campo Libero”

LUNEDI’ 20 luglio h.20.30 presso l’Auser in v.Frausin 7

Dopo il ritorno in piazza con l’anteprima della mostra fotografica “san giacomo per noi” venerdì scorso , la rete di quartiere “Campo libero” lancia un’assemblea pubblica del rione di San giacomo per confrontarsi assieme sulle prossime iniziative da fare, nuove proposte e ragionamenti per rendere sempre più vivo e solidale il rione di san giacomo.

Ringraziamo l’auser per l’ospitalità.

Campo Libero è un’idea: l’idea di un mo(n)do diverso di stare assieme e di vivere il territorio, a partire da San Giacomo, rione in cui viviamo-lavoriamo-operiamo.
Ma Campo Libero è anche una proposta: vorremmo provare a costruire collettivamente momenti che sappiano interrompere la quotidianità per lasciare spazio alla necessità di relazioni, scambio, solidarietà e felicità fuori dalla logica del denaro e del consumo che determina così tanto delle nostre vite.

Posted in Iniziative, Segnalazioni | Leave a comment

Quello che sappiamo del ragazzo morto a Gradisca – video

LUNEDI’ 20 PRESIDIO A GORIZIA DAVANTI ALLA PREFETTURA

Qui un altro comunicato dell’Ass.Nocpr-nofrontiere

Ieri, nel CPR di Gradisca, un ragazzo di 28 anni è morto.

Ieri pomeriggio, siamo stati sotto quelle mura, eravamo circa sessanta. Volevamo parlare con chi sta chiuso dentro, per fargli sentire che sapevamo che uno di loro era morto e gli eravamo solidali, e per sapere com’era andata, secondo loro.

Gridando da una parte all’altra del muro, ci hanno detto che il ragazzo che è morto era stato imbottito di medicinali; tra gli altri, aveva assunto sicuramente il Rivotril – una benzodiazepina ad alta potenza con ansiolitiche, sedative, antiepilettiche – che viene spesso somministrato ai reclusi. L’abuso di psicofarmaci è una costante nei centri di internamento: le persone li assumono per evadere da quel quotidiano senza speranza e/o come sostitutivi legali di altre sostanze. Tuttavia, chi prescrive gli psicofarmaci ha una responsabilità clinica precisa: se veramente il ragazzo – del quale ancora non conosciamo il nome – fosse morto per overdose di psicofarmaci, i responsabili diretti della sua morte sono nel CPR.

Continua a leggere

Assemblea Nocpr-nofrontiere

Posted in Segnalazioni | Leave a comment

La scuola non esiste! Assemblea pubblica di NUDM

Il 26 giugno, Non una di meno Trieste ha organizzato un’assemblea aperta a Barcola.

In quell’occasione, senza che fosse previsto, il dibattito si è incentrato soprattutto sul mondo dell’istruzione (asili, scuola, ricreatori, università) e sulla necessità di arrivare a settembre con scuola in presenza e in sicurezza. Si sono toccati i temi della DAD, delle privatizzazioni in corso contenute nella bozza delle linee guida ministeriali ma anche a livello locale con il comune di Trieste che esternalizza i servizi dei ricreatori, delle difficoltà dei disabili. Ci sono stati interventi riguardanti l’università e il destino di dottorand* ai tempi del coronavirus.

Ne è emersa l’urgenza di rispondere collettivamente chiedendo finanziamenti, assunzioni e sicurezza per l’istruzione pubblica e di creare una rete cittadina che sia in grado di mobilitarsi alla ripresa di settembre.

Per questo abbiamo indetto un’assemblea pubblica sul tema dell’istruzione il 15 luglio alle ore 19,00 in San Giusto, per cominciare a fare rete localmente su queste questioni, e per prepararci a portare avanti queste lotte a partire da settembre.

Continue reading

Posted in Iniziative, Segnalazioni | Leave a comment

Kropotkin e il mutuo appoggio. Presentazione del libro

MARTEDI’ 14 LUGLIO h.20.30 

in p.Puecher

Se consideriamo le innumerevoli prove che possono essere citate a sostegno di questa tesi, possiamo affermare che il mutuo appoggio è una legge della vita animale tanto quanto lo è la lotta reciproca, e tuttavia, come fattore di evoluzione, ha probabilmente un’importanza ben maggiore in quanto favorisce lo sviluppo delle abitudini e dei caratteri che assicurano la conservazione e la crescita della specie, dando al contempo a ogni individuo più benessere e felicità, con minore spreco di energia.

A cura di Giacomo Borella
Prefazione di Lee A. Dugatkin

Prima traduzione dall’originale inglese
https://www.eleuthera.it/scheda_libro.php?idlib=493#

In assenza dell’autore ne parliamo con Francesco Codello e Valentina Pitacco.

Gruppo Anarchico Germinal

Continue reading

Posted in Iniziative | Leave a comment

Violenza nel CPR: manganellate, autolesionismo e censura – video

Dall’assemblea Nocpr-nofrontiere

“Mi hanno picchiato, poi sono caduto giù e sono uscito fuori di testa, ho preso la lametta e mi sono tagliato. […] siamo la stessa carne, siamo lo stesso sangue, non va bene che mi trattano come un topo.”

A parlare è una persona rinchiusa nel CPR di Gradisca. Ci dicono che per quattro giorni è stato portato avanti e indietro dall’ospedale, dove non è stato ricoverato, perché “forse hanno paura che scappa”, dice qualcuno da dentro. Ci raccontano che ha avuto mancamenti per quattro giorni di fila, ci hanno parlato delle sue condizioni con preoccupazione per giorni poi sembrava stesse meglio “fisicamente ma non mentalmente”, ma ci riferiscono che venerdì 10 luglio gli usciva sangue dalla bocca e che sia svenuto un’altra volta.

Continua a leggere qui

e qui un precedente aggiornamento

Posted in Generale, Segnalazioni | Leave a comment

Anteprima postpandemica “San Giacomo per noi”

“San Giacomo per noi”
Una narrazione fotografica collettiva
Anteprima postpandemica

Campo Libero è una rete di collettivi, gruppi, associazioni e singole persone.
Abbiamo provato a costruire, tramite l’immagine e lo sguardo fotografico, un racconto corale degli spazi, della vita e delle anime del rione che ogni giorno (o quasi) attraversiamo.

I contributi fotografici arrivati sarebbero dovuti confluire questa primavera in un percorso espositivo che coinvolge spazi sociali, culturali, associazioni, locali, circoli, negozi e attività artigiane, ma l’emergenza sanitaria ci ha costretto a rimandare all’autunno il progetto.
Ora però vogliamo proporvene un assaggio: una selezione di fotografie sarà visibile in anteprima venerdì 10 luglio dalle 18 alle 21 in Campo San Giacomo.

Se vuoi saperne di più, contattaci:

campoliberots@gmail.com
fb Campo Libero

Posted in Iniziative, Segnalazioni | Leave a comment

Rompiamo il silenzio! Basta guerra in Kurdistan – Libertà per i prigionieri politici in Turchia!

Il 27 giugno si manifesta in tutta Italia contro il governo turco guidato dal partito conservatore-religioso AKP del presidente della repubblica Erdoğan e dal partito fascista MHP.

Abbiamo voluto partecipare simbolicamente a questa giornata di mobilitazione esponendo davanti a luoghi simbolici della città lo striscione “Rompere il silenzio. Basta massacri in Turchia e Kurdistan”: RAI regionale, il quotidiano “Il Piccolo” e Autorità Portuale. Infine lo striscione è stato affisso sul ponte verso Valmaura.

Con questa iniziativa abbiamo voluto porre l’attenzione sia sulle responsabilità dei media che stanno facendo passare sotto silenzio il nuovo attacco turco contro la popolazioni ribelli in Kurdistan che gli interessi economici dello stato turco che passano anche attraverso il porto di Trieste, uno dei più coinvolti nel traffico merci con il regime di Ankara.

Continue reading

Posted in Generale, Iniziative | Leave a comment

Assemblea pubblica Non una di Meno Trieste

Il 26 giugno alle 19:30 ci ritroviamo alla fontana di Barcola in un’assemblea aperta per confrontarci collettivamente sulle dinamiche che la situazione emergenziale covid-19 ha mostrato in maniera piu` evidente e sulla nuova insopportabile normalità che questa crisi prospetta.

Abbiamo deciso di ritrovarci fisicamente per la prima volta nella data lanciata a livello nazionale come “TORNIAMO NELLE STRADE! CI TOLGONO IL TEMPO, RIPRENDIAMOCI TUTTO!”, per ribadire che non accettiamo che la ricostruzione e la convivenza con il Covid-19 avvengano al prezzo del nostro sfruttamento, dell’intensificazione della divisione sessuale del lavoro e del razzismo.

Invitiamo tutte e tutti a partecipare.

Noi non rimarremo in silenzio, unisciti anche tu!
¡Juntas somos más fuertes!

Posted in Iniziative, Segnalazioni | Leave a comment

RIFLESSIONI SULLA RIVOLTA NEGLI STATI UNITI

Testo del volantino che abbiamo distribuito sabato al presidio “Say Their name”

Il fatto che ci si ritrovi in piazza oggi non solo per esprimere solidarietà alle manifestazioni negli Stati Uniti ma anche e soprattutto per parlare del razzismo strutturale e della violenza istituzionale presenti qui da noi pensiamo sia una cosa fondamentale. Detto questo ci pare importante portare comunque dei ragionamenti su quello che sta avvenendo dall’altra parte dell’oceano.

L’assassinio di George Floyd, mostrato per nove interminabili minuti di metodica violenza, è stato la scintilla che ha fatto saltare una polveriera sociale. Negli ultimi cinque anni la polizia ha ucciso circa ottomila persone negli Stati Uniti. Buona parte erano afroamericani e latinos.
Gli States sono una società profondamente segmentata, sia socialmente che spazialmente, una società dove la linea della povertà si sovrappone a quella del colore.
Nei ghetti la polizia agisce con enorme violenza. Pestaggi, soprusi, insulti e omicidi sono normali. Chi sta nei ghetti o nelle zone “grigie”, rischia la vita ad ogni incontro con gli uomini e le donne in divisa. Nei quartieri poveri le persone che vi sono confinate sono state duramente colpite dalla pandemia. Il numero dei morti è enorme tra le minoranze razzializzate del paese.
L’assistenza sanitaria è negata a chi non ha un’assicurazione: chi vive ai margini non ha ricevuto nessuna diagnosi e nessuna cura. L’elite bianca e ricca ha avuto accesso a prevenzione, ospedali e medicine negati ai poveri neri, asiatici, nativi, latinos.
Di fronte ai supermercati assaliti e saccheggiati, alle banche danneggiate, alle auto di lusso fatte a pezzi, ci sono persone prive di libertà e diritti. In primis quello alla vita.

Continue reading

Posted in Generale | Leave a comment